(Memoriali)* 08 – Rivelazioni e meditazioni da 601 a 700

Risultati immagini per lo spirito santo scenderà su di te

700) 13.01.2020 Ispira le nostre azioni, Signore, e accompagnale con il tuo aiuto: perché ogni nostra attività abbia da te il suo inizio e in te il suo compimento.

699) 13.01.2020 Chi non vuol lavorare, neppure mangi. Sentiamo infatti che alcuni tra di voi vivono disordinatamente, senza far nulla e in continua agitazione. A questi tali ordiniamo, esortandoli nel Signore Gesù Cristo, di mangiare il proprio pane lavorando in pace. Voi, fratelli, non lasciatevi scoraggiare nel fare il bene (2 Tes 3,10-13).

698) 13.01.2020 Signore, da te provengono ricchezza e gloria, tu domini tutto; nella tua mano c’è forza e potenza; dalla tua mano ogni grandezza e potere.

697) 13.01.2020 Signore, guidami con giustizia di fronte ai miei nemici, spianami davanti il tuo cammino. Non c’è sincerità sulla loro bocca, è pieno di perfidia il loro cuore; la loro gola è un sepolcro aperto, la loro lingua è tutta adulazione. Signore, tu benedici il giusto: come scudo lo copre la tua benevolenza. 

696) 12.01.2020 Dice il Signore: Io ti renderò luce delle nazioni perché porti la mia salvezza fino all’estremità della terra. Tutto è stato fatto perché voi diventiate come altrettanti soli, cioè forza vitale per gli altri uomini. Siate luci perfette dinanzi a quella luce immensa e sarete inondati dal suo splendore soprannaturale.

695) 12.01.2020 Dice il Signore: Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto in cui mi compiaccio. Ho posto il mio Spirito su di lui, egli porterà il diritto alle nazioni. Non griderà né alzerà il tono, non farà udire in piazza la sua voce. Proclamerà il diritto con fermezza, non verrà meno e non si abbatterà, finché non avrà stabilito il diritto sulla terra.

694) 12.01.2020 Il servo mite del Signore, luce dei popoli.

693) 12.01.2020 Nel battesimo di Cristo il mondo è santificato, i peccati sono perdonati: nell’acqua e nello Spirito diveniamo nuove creature. Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco si aprirono i cieli e Giovanni vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui. Ed una voce dal cielo disse: “Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto”.

692) 12.01.2020 Quale adulto, anche se della peggior specie, non gradisce abbracciare ed essere abbracciato, baciare ed essere baciato da un/una bambino/a, non saprei, se ha il cuore talmente indurito, forse ce ne sarà. Per cui, da qui si vede la nostra tendenza. Immaginiamo, ora, che tutto questo possa avvenire tra adulti, certamente avremmo un mondo migliore dove Satana, autore del male, sarebbe stato battuto.

691) 12.01.2020 Siamo stati creati nell’amore, nel nostro DNA c’è il desiderio di amare e di essere amati. Questo possiamo impararlo soprattutto nei rapporti con i bambini. A loro, come agli adulti, necessita il contatto fisico che esprima questo concetto, una parola buona o il solo farsi vedere, a seconda delle caratteristiche personali. Perché impararlo dai bambini? Perché lo dimostrano apertamente e in modo spontaneo e desiderano riceverlo allo stesso modo.

690) 11.01.2020 Il Padre ama il Figlio e gli ha dato in mano ogni cosa. Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l’ira di Dio incombe su di lui.

689) 11.01.2020 Or dunque, in forza della luce che già ci illumina, comportiamoci onestamente, non giudicandoci a vicenda.

688) 11.01.2020 Nella misura delle forze che Dio mi dà, lavoro nella sua vigna. Con quale disposizione poi io lavori, lo vede lui che mi ha chiamato.

687) 11.01.2020 Il giusto vive di fede. E’ difficile che viva male che crede bene. Credere con tutto il cuore, credere senza vacillare, senza esitare, senza opporre argomenti umani: si chiama fede proprio per questo, perché si fa quello che si dice.

686) 11.01.2020 Questa è l’opera di Dio: credere in Colui che egli ha mandato.

685) 11.01.2020 Sopportate con pazienza la collera, che da Dio è venuta su di voi. Il nemico vi ha perseguitati, ma vedrete ben presto la sua rovina e calcherete il piede sul suo collo.

684) 11.01.2020 Coraggio, gridate a Dio: si ricorderà di voi colui che vi ha provati. Poiché, chi vi ha afflitti con tante calamità, vi darà anche, con la salvezza una gioia perenne, vi libererà dall’oppressione e dal potere dei nemici.

683) 11.01.2020 Il giusto fiorirà come palma, crescerà come cedro del Libano; piantati nella casa del Signore, fioriranno negli atri del nostro Dio. Nella vecchiaia daranno ancora frutti, saranno vegeti e rigogliosi, per annunziare quanto è retto il Signore: mia roccia, in lui non c’è ingiustizia.

682) 11.01.2020 L’uomo insensato non intende e lo stolto non capisce: se i peccatori germogliano come l’erba e fioriscono tutti i malfattori, li attende una rovina eterna: ma tu sei l’eccelso per sempre, o Signore.

681) 10.01.2020 Quando Gesù viene cercato dalla madre, viene riconosciuto vero uomo, mentre quando afferma di doversi occupare delle cose del Padre, da tutti i credenti viene riconosciuto l’unico e vero figlio di Dio.

680) 10.01.2020 Gesù, da piccolo, era seduto in mezzo ai dottori, non ad insegnare, ma ad ascoltarli e interrogarli. Quindi, nessuno di noi deve intraprendere il ministero della predicazione, se non è ancora giunto all’età adulta. 

679) 10.01.2020 Dio non fa preferenze di persone, ma chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque popolo appartenga, è a lui accetto.

678) 10.01.2020 Quanto a me, ecco la mia alleanza con essi, dice il Signore: il mio spirito che è sopra di te e le parole che ti ho messo in bocca non si allontaneranno dalla tua bocca né dalla bocca della tua discendenza né dalla bocca dei discendenti dei discendenti , dice il Signore, ora e sempre.

677) 10.01.2020 Il retributore ripagherà le sue azioni come si deve, con sdegno ai suoi avversari, con vergogna ai suoi nemici.

676) 10.01.2020 La Verità è abbandonata, chi disapprova il male viene spogliato. Ha visto questo il Signore ed è male ai suoi occhi che non ci sia più diritto. Egli ha visto che non c’era alcuno, si è meravigliato perché nessuno intercedeva. Ma lo ha soccorso il suo braccio, la sua giustizia lo ha sostenuto.

675) 10.01.2020 Dice il Signore: ma il mio popolo non ha ascoltato la mia voce, Israele non mi ha obbedito, l’ho abbandonato alla durezza del suo cuore, che seguisse il proprio consiglio. Se il mio popolo mi ascoltasse, se Israele camminasse per le mie vie! Subito piegherei i suoi nemici e contro i suoi avversari porterei la mia mano. I nemici del Signore gli sarebbero sottomessi e la loro sorte sarebbe segnata per sempre; li nutrirei con fiore di frumento, li sazierei con miele di roccia.

674) 09.01.2020 Così dice il Signore:” Osservate il diritto e praticate la giustizia, perché prossima a venire è la mia salvezza; la mia giustizia sta per rivelarsi”. Beato l’uomo che così agisce, il figlio dell’uomo che a questo si attiene, che osserva il sabato senza profanarlo, che preserva la sua mano da ogni male.

673) 09.01.2020 Sappiamo con certezza che, peccatori nella prima nascita, siamo mondati nella seconda; schiavi nella prima, siamo liberi nella seconda; terreni nella prima, siamo celesti per la seconda; carnali per colpa nella prima nascita, diventiamo spirituali, per grazia della seconda; per quella figli d’ira, per questa figli della grazia.

672) 07.01.2020 Ecco, se ci sarà un attacco, non sarà da parte mia. Chi ti attacca cadrà contro di te, io, il Signore, tutto ho creato, anche il distruttore per devastare.

671) 07.01.2020 Anche se i monti si spostassero e i colli vacillassero, non si allontanerebbe da te il mio affetto, né vacillerebbe la mia alleanza di pace, dice il Signore che ti usa misericordia.

670) 07.01.2020 Per un breve tempo ti ho abbandonato, ma ti riprenderò con immenso amore. In un impeto di collera ti ho nascosto per un poco il mio volto, ma con affetto perenne ho avuto pietà di te, dice il Signore.

669) 06.01.2020 Gli apostoli confessano che non sono in grado di predicarlo se non illuminati, se non riescono ad irradiare la luce del volto del Signore. Anch’essi, infatti, secondo il vangelo sono luce del mondo (Mt 5,14)

668) 06.01.2020 Dobbiamo seguire, con tutte le nostre forze, la grazia che invita tutti al Cristo. In questo impegno dovete tutti amarvi l’un l’altro. Risplenderete, così, come figli della Luce nel regno di Dio, dove conducono la retta fede e le buone opere.

667) 06.01.2020 La Provvidenza misericordiosa, avendo deciso di soccorrere negli ultimi tempi il mondo che andava in rovina, stabilì che la salvezza di tutti i popoli si compisse in Cristo.

666) 06.01.2020 Il popolo e il regno, che non vorranno servirti, periranno e le nazioni saranno tutte sterminate.

665) 05.01.2020 Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa , in cambio dell’amore, non ne avrebbe che dispregio. Se uno non è in grado di dare amore è inutile aspettarselo.

664) 04.01.2020 Venga anche ora la parola del Signore a noi che l’attendiamo nel silenzio! Ascoltiamo che cosa ci dice Dio nell’intimo dell’anima. Tacciano i movimenti della nostra carne e il chiasso importuno, taccia nche la nostra irrequieta fantasia, per ascoltare attentamente che cosa dice lo Spirito, la voce che viene dal cielo.

663) 04.01.2020 Solo l’uomo, violando continuamente la Legge da Dio stabilita, lo ha fatto soffrire per i suoi peccati.

662) 02.02.2020 Se parli o predichi, non provo alcun gusto se non sento il nome di Gesù. 

661) 02.02.2020 Se scrivi non mi sa di niente se non vi leggo Gesù. 

660) 02.02.2020 Comportiamoci onestamente come in pieno giorno.

659) 02.02.2020 Il Signore, predicato illumina, meditato nutre, invocato lenisce e unge.

658) 01.01.2020 Gesù a causa della morte che ha sofferto è stato coronato di onore e gloria, è stato reso perfetto mediante la morte che ha sofferto. Non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio, ma assunse la condizione di servo liberamente e divenendo simile agli uomini, umiliando se stesso fino all’annientamento, lo fece per noi, senza nessuna costrizione.

657) 01.01.2020 Se “gli ultimi saranno i primi e i primi ultimi” (Mt 20,16) perché si cerca di essere i primi? Non lo si è constatato? Buon Anno! (Pubblicato su Facebook il 01.01.2020)

656) 31.12.2019 Bisogna sempre alzarsi e stare in ascolto, né mai desistere dal correre, anche se siamo vicini alla meta.

655) 31.12.2019 La preghiera unisce a Dio la natura umana, dopo averla illuminata per mezzo dei profeti e della legge.

654) 28.12.2019 Attraverso l’umiltà e il divenire come bambini, si giunge a dare la vita per il Signore.

653) 27.12.2019 Le caratteristiche che ci infastidiscono negli altri sono quelle che causano avversioni nei confronti di se stessi durante l’infanzia. Motivo per cui vengono represse.

652) 27.12.2019 Se riconosciamo i nostri peccati, egli che è fedele e giusto ci perdonerà i peccati e ci purificherà da ogni colpa. Se diciamo che non abbiamo peccato, facciamo di lui un bugiardo e la sua parola non è in noi (1 Gv 1,1 – 2,1)

651) 26.12.2019 L’afflizione, dopo la correzione ricevuta, è il fiore dei frutti sperati.

650) 26.12.2019 Saremo odiati da tutti a causa del nome di Gesù, ma chi persevererà fino alla fine sarà salvato.

649) 26.12.2019 La carità è al di sopra di tutte le cose buone che un uomo può fare, dimostriamocela a vicenda.

648) 25.12.2019 Non sottometterti di nuovo alla schiavitù del demonio. Il prezzo del nostro riscatto è il sangue di Cristo.

647) 25.12.2019 Con il Sacramento del Battesimo siamo tempio dello Spirito Santo.

646) 25.12.2019 Rinunciamo alle opere della carne.

645) 25.12.2019 Come ha fatto Gesù, anche noi possiamo vincere il diavolo.

644) 25.12.2019 Maria, che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore, ha generato il Salvatore del mondo. Facciamolo anche noi.

643) 24.12.2019 La giustizia non ci venne da noi ma si è affacciata dal cielo. Perciò, colui che si gloria si glori nel Signore, non in se stesso. La nostra gloria sia la testimonianza della buona coscienza.

642) 24.12.2019 L’uomo non può ricevere nulla se non gli è stato donato dal cielo (cfr. Gv 3,27).

641) 24.12.2019 Svegliati o uomo, per te Dio si è fatto uomo. “Svegliati o tu che dormi, destati dai morti e Cristo ti illuminerà” (Ef 5,14). Saresti morto per sempre se Egli non fosse nato nel tempo. Non avrebbe liberato dal peccato la tua natura, se non avesse assunto una natura simile a quello del peccato. Una perpetua miseria ti avrebbe posseduto, se non fosse stata elergita questa misericordia. Non avresti riavuto la vita, se Egli non si fosse incontrato con la tua stessa morte. Saresti venuto meno se non ti avesse soccorso. Saresti perito, se non fosse venuto.

640) 24.12.2019 L’opera delle nostre mani ci è dannosa se proviene da una nostra umana organizzazione, ci è salutare se ispirata dal Signore. La si capisce se la coscienza ce l’approva o meno, se ci lascia sereni o meno, se ci crea ansia o meno.

639) 24.12.2019 Dare Gloria a Dio solo con un sano comportamento e, solo se ti viene chiesto, con le parole e sia il tuo parlare “si” “si”, “no” “no” il di più viene da Satana.

638) 23.12.2019 Tutto fu creato per mezzo di Gesù, ma Egli è l’unico che viene dal Padre eppure il mondo non lo riconobbe.

637) 23.12.2019 Dio esiste, nella sua unicità è completo in tutto, In Lui si trova intelligenza, sapienza, potenza e consiglio. Tutto è in Lui, ed Egli è in tutto.

636) 23.12.2019 Procuriamo di arrivare a una comprensione delle realtà divine non secondo la nostra intelligenza e non certo facendo violenza ai doni di Dio, ma nella maniera in cui Egli stesso volle rivelarsi nelle Sacre Scritture. 

635) 22.12.2019 Per delle emozioni non sviluppate, da bambini, avvengono i traumi che ce li portiamo anche da adulti e, per quelle, restiamo come bambini.

634) 22.12.2019 Moriamo alle nostre debolezze, riconosciamole come tali, diciamole apertamente, così le tentazioni relative non avranno effetto su di esse.

633) 22.12.2019 Chiunque diventerà piccolo come un bambino, sarà il più grande nel regno dei cieli (Mt 18,4).

632) 22.12.2019 Le nostre debolezze, dove ci tenta Satana, sono le persone e le cose dove cerchiamo, in modo sbagliato, l’amore e la gratificazione.

631) 21.12.2019 Ogni anima che crede, concepisce e genera il Verbo di Dio e riconosce le sue opere.

630) 21.12.2019 Dice il Signore: se avessi prestato attenzione ai miei comandi, il tuo benessere sarebbe come un fiume.

629) 21.12.2019 Dice il Signore: ti insegno per il tuo bene e ti guido per la strada su cui devi camminare.

628) 21.12.2019 Uno che io amo compirà il mio volere (Isaia 48,12 ss)

627) 20.12.2019 Diciamo come ha detto Maria all’Angelo inviato da Dio: “sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”.

626) 19.12.2019 La legge di Dio, che tutti abbiamo impresso nei nostri cuori, è la guida sicura per ogni persona.

625) 19.12.2019 Nella nostra carne non abita il bene, poiché il bene della nostra salvezza non viene da noi ma da Dio. ( San Paolo Rm 7,18++)

624) 19.12.2019 Verso Dio, l’uomo resti in rispettosa sottomissione e in continuo rendimento di grazie, per divenire simile a Gesù. (L’ora dell’ascolto pag. 131)

623) 19.12.2019 L’uomo è la sede in cui si raccoglie tutta la Sapienza e la Potenza di Dio. (L’ora dell’ascolto pag. 131)

622) 18.12.2019 Dio è possibile vederlo solo nella fede.

621) 18.12.2019 Chi di noi può abitare tra fiamme perenni? Chi cammina nella giustizia ed è leale nel parlare, chi rigetta un guadagno frutto di angherie, scuote le mani per non accettare regali, si tura gli orecchi per non udire fatti di sangue, chiude gli occhi per non vedere il male (Isaia 33,13 ss).

620) 16.12.2019 Dove c’è costrizione non c’è libertà e, dove non c’è libertà, non c’è nemmeno giustizia.

619) 16.12.2019 Noi non possiamo essere ciò per cui Dio ci ha creati e salvati, se non amandolo che è, tra l’altro, un suo dono.

618) 16.12.2019 Saranno eliminati quanti tramano iniquità, quanti, con la parola, rendono colpevoli gli altri e rovinano il giusto per un nulla.

617) 14.12.2019 Non ti scoprire a fare le opere del male, sono le stesse che non sopporti tu.

616) 13.12.2019 E’ meglio fare senza dire che dire senza fare.

615) 13.12.2019 Come hai fatto agli altri così sarà fatto a te.

614) 12.12.2019 L’empio, sulla terra, distorce le cose diritte.

613) Il sentiero del giusto è diritto, il cammino del giusto tu, Signore, rendi piano.

612) 12.12.2019 Se seguiamo il Signore Egli ci libera dai nostri nemici.

611) 11.12.2019 “Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri” (Giovanni 13,34)

610) 11.12.2019 “Chi crede nel Figlio ha la vita eterna” (Giovanni 3, 36)

609) 11.12.2019 “Seguimi” (Giovanni 1, 43)

608) 11.12.2019 “Quando cominceranno ad accadere queste cose, alzatevi e levate il capo, perché la vostra liberazione è vicina” (Luca 21, 28)

607) 11.12.2019 “Colui che vorrà diventare grande tra voi, si farà vostro servo” (Matteo 20, 26)

606) 11.12.2019 “A Dio tutto è possibile” (Matteo 19, 26)

605) 11.12.2019 “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia” (Matteo 5, 7)

604) 11.12.2019 “La verità vi farà liberi” (Giovanni 8, 32)

603) 11.12.2019 “Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno” (Luca 23, 34)

602) 11.12.2019 “Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei” (Giovanni 8, 7)

601) 11.12.2019 Il Signore asciugherà le lacrime su ogni volto (Isaia).

SANTO ROSARIO AUDIO    CORONCINE – MEDITAZIONI – NOVENE – PREGHIERE VARIE – COMMENTI AI VANGELI – LITANIE    PREGHIERE PRINCIPALI LIBERE – PREGHIERA DOPO AVER PECCATO – PREGHIERA PER CHIEDERE LA SAPIENZA

Il Signore parla al cuore di ciascuno di noi, ascoltarlo significa valutare bene le situazioni in cui ci troviamo e, se lo desideriamo, viverle nella sua volontà, non dimentichiamo ciò che ci disse nel Vangelo di Giovanni…

—————————————–

Dal Vangelo di Giovanni 15,5: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto, sempre se lo desideriamo.

————————————–

(Le foto eventuali, dei personaggi, sono state prese su Google / Immagini, per cui, anche se le loro azioni sono in sintonia con l’argomento trattato, non necessariamente debbono corrispondere ai personaggi stessi di questo articolo).

Vedi tutti gli articoli del blog: https://brunoliviano.altervista.org/

Lascia una risposta