(Memoriali)* 02 – Rivelazioni e meditazioni da 000 a 100

Immagine correlata

01) Come hai fatto tu, così a te sarà fatto, ciò che hai fatto agli altri ricadrà sul tuo capo. (Abd 1–21 verso la metà).

02) Santità è fare bene le cose di ogni giorno e dare Gloria a Dio. Lasciare le cose meglio di come le hai trovate.

03) Si-Si-No-No Tutto il resto proviene da Satana.

04) Piacere – Gloria – Potere – Morte.

05) Mi preoccupo più della mia immagine che vivere la storia che Dio ha fatto per me, che fare la sua volontà. 

06)* L’ansia mi fa mangiare – Il dolore al basso ventre (colite) aumenta con la tensione nervosa.

07) Estraniarsi mentalmente dalle cose materiali e dalle persone, viverle senza coinvolgersi emotivamente (io – Dio – altri). 

08) Riappropriarsi del tempo libero, non occupare tutte le ore della giornata con cose da fare. Occorre staccare spesso, restando senza impegni, per ascoltare meglio la voce del Signore, cosa da fare anche mentre si fanno le cose. Poco computer. 

09) Il disordine toglie le forze fisiche, mentali e la serenità. 

10) Amerai il Signore, Dio tuo, con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutto il tuo essere mettendolo sempre al primo posto e il prossimo tuo come te stesso, iniziando con piccoli gesti d’amore. Per far questo è necessario educare il libero arbitrio a farlo gradatamente iniziando dalle piccole cose e vincendo le piccole tentazioni. 

11)* Fare bene e con amore le normali attività quotidiane, lasciandole meglio di come sono state trovate, con distacco emotivo dalle cose materiali e dalle persone.

12)* Alleggerirmi dagli impegni terreni.

13) Riposare la mente, darle meno lavoro.

14) Accettare tutto.

15)* Rallentare il ritmo.

16) Parlare con ritmo lento. 

17) Precedenza alle normali attività quotidiane (Cosa devo fare per prima? Quello che avresti dovuto già fare e non quello che potresti fare).

18) Educa il libero arbitrio nel giusto modo.

19) Non essere abitudinario. 

20) Non concentrarsi sulle persone o sulle cose, prima sul Signore, il resto viene per conseguenza. 

21)* Si si no no alla lettera.

22) Fai come se tutto dipende da te sapendo che niente dipende da te. 

23) Non appartenete a voi stessi, glorificate Dio nel vostro corpo. 

24) Non cercare di guidare gli altri secondo la tua volontà. 

25)* Nessuno di noi può fare niente per nessuno, è sempre Dio che fa.

26) Tutto ciò che proviene dal Signore non disturba, non è invadente, non procura ansia, rispetta la mia persona, quello che proviene da satana è esattamente il contrario. 

27) Il gioco allontana dal Signore, procura ansia, debolezza, toglie le forze e nessuna voglia di fare le opere di Dio e le cose ordinarie della vita. 

28) Stai male se non fai bene le normali attività quotidiane. 

29)* Non guidare gli altri, secondo le tue necessità, in modo occulto.

30) Troppa confidenza e superbia vanno di pari passo, dosare bene la confidenza per non avere gesti di superbia incontrollati, chi si insuperbisce con poco e chi con molto, varia da persona a persona. 

31)* Se il Signore non vuole che io dorma, perché mi devo sforzare a dormire? Starò sveglio, dormirò nel pomeriggio o non dormirò affatto, come vuole così farò, sia per il dormire che per qualunque altra cosa

32) Tenetevi lontano da ogni fratello che si comporta in maniera indisciplinata e non secondo le tradizione che ha ricevuto da noi (2° Tes 3,1-6+).

33) E’ necessario che coloro che combattono cerchino di conservare l’animo libero da interno turbamento, perché la mente, discernendo i pensieri che le si affacciano, possa conservare nel santuario della memoria quelli che sono buoni e mandati da Dio e scacciare, invece, quelli che sono cattivi e suggeriti dal demonio, la scienza della discrezione degli spiriti si acquista con la sapienza. (2° lettura l’ora dell’ascolto pag. 1106).

34) Più il cuore è puro, libero da passioni e vizi e più il Signore ne prende dimora. 

35) Mente e azione devono essere di pari passo. 

36) No corsa al guadagno.

37) Liberare la mente dai pensieri materiali se essi ti dominano. 

38) Alleggerirsi delle cose materiali il più possibile. 

39) Sii te stesso sempre, se subisci forzatamente sei portato a recuperare cercando l’approvazione degli altri (ad es. biliardo).

40)* Se corri troppo avanti con la mente sulle cose da farsi la parola non segue e perde il ritmo creando disordine nella parola stessa, riconosci i tuoi peccati e il Signore ti darà un cuore nuovo

41)* Lascia che il Signore agisca in te, affidati, non cercare di recuperare gli sbagli commessi, chiedi solo perdono dei tuoi sbagli al Signore e agli interessati

42) Stress: sii in anticipo sui tempi. 

43) Tutto proviene dalla grazia di Dio, nulla possiamo con le nostre forze.

44) Non devi convertire nessuno con le sole parole, sii cristiano nella vita pratica e se qualcuno ti chiede rispondi (tieni sempre presente si si no no).

45)* Non programmare ma fare bene le cose ordinarie della giornata, preoccuparsi di oggi, domani ha già le sue pene.

46)* Frena, fai bene quello che già hai da fare. Non prendere iniziative, la mente corre troppo avanti rispetto alle cose che hai e che puoi fare, concentrala su ciò che fai

47) L’attenzione devo porla su ciò che devo fare, ovvero su ciò che il Signore desidera che io faccia e mai sulle persone o su cosa si aspettano che io faccia. 

Nel fare questo devo stare attento alla mente che corre più veloce dell’azione, rallentala non prendendo iniziative e non fare ciò che il mondo ti sprona a fare (non conformatevi alla mentalità di questo secolo Rm 12,2). Gesù non prese nessuna iniziativa tranne quella di andare in croce. 

Le opere del Signore danno forza, vita, serenità, pace, … quelle di satana danno debolezza, morte, nervosismo, agitazione. 

48) Debolezza fisica (non fai bene le cose ordinarie e sei cedente alle tentazioni) rafforza la fortezza rinunciando alle tentazioni iniziando da quelle leggere. Uso del PC al minimo. Ascolta la coscienza. 

Non frequentare i superbi ma le persone umili e giuste. Non essere precipitoso nel parlare. Lavora manualmente per espiare i peccati.

49) Rallentare il modo di fare, portare un ritmo non veloce, leggere attentamente, parlare con un ritmo piuttosto lento che veloce, non precipitarsi a fare le cose, calma, calma. 

50) Il pungiglione della morte è il peccato e la forza del peccato è la legge.

51) Se non si è in ordine con le normali attività quotidiane, il cervello quasi si blocca e non riesco a fare bene niente delle attività extra ordinarie.

52)* Educa, nel giusto modo, il libero arbitrio per non andartene fuori dalla volontà di Dio e, quindi dalla pace.

53) Evitare le abitudini, anche se non necessariamente cattive, che non conducono al Signore.

54) Conservarsi puri da questo mondo.

55) Non concentrarsi sulle persone o su tutto ciò che ci circonda, non porre l’attenzione su di loro per decidere cosa fare, ma sul Signore e agisci ascoltando la tua coscienza, il resto viene per conseguenza. 

56) Non confidare su nessuno, “maledetto l’uomo che confida nell’uomo”.

57) Sii il tuo parlare si si no no il di più viene da satana (sperimentato, come del resto tutte le parole del Signore, che va interpretato alla lettera).

58) Le cattive abitudini, quando il Signore ce le toglie, sono dolorose perché ci devono far riflettere che quella via non è buona per noi, se fossero dolci e belle come potremmo capire che non sono buone per noi? Anzi saremmo portati a capire il contrario.

59) Chi è lontano dalla Chiesa, come può essere in Cristo se non fa parte delle sue membra? Come sarà in Cristo chi non è nel corpo di Cristo?

60) Chi ama il fratello tutto sopporta pur di salvare l’unità. Nell’unità della carità sta l’amore fraterno.

61) Satana ci ruba il tempo allettandoci con cose che attraggono la nostra concupiscenza e ci impedisce di fare le cose ordinarie della vita che, se fatte bene, conducono alla santità ordinaria.

62) Il voler guidare gli altri, in modo palese e soprattutto occulto, significa mettersi al posto di Dio. 

63) Quando le cose vanno bene spesso si sperperano i meriti accumulati prima, invece nelle avversità si espiano persino le colpe a lungo trascurate.

64) Spesso la scuola del dolore plasma il cuore, mentre chi giunge al vertice del potere, abituandosi alla gloria, diventa orgoglioso.

65) Piuttosto che offendere Dio non esitiamo a metterci in conflitto con gli uomini stolti e senza giudizio tronfi e superbi e ricchi solo di parole bugiarde (San Clemente 1° – 2° lettura pag 978 l’ora dell’ascolto). 

65 Bis) Pubblicato su Facebook lo 01.03.2020: Silenzio non giustificato? Ho paura che lo facciano a me. [Non compio il bene che voglio, ma il male che non voglio (Rm 7,19)].

66) Dio cerca la fede, non la morte. Ha sete della tua preghiera, non del tuo sangue. Viene placato dalla volontà, non dalla morte.

67) Il mondo porta avanti una duplice battaglia contro i soldati di Cristo: lusinga per ingannare, spaventa per spezzare. Non ci trattenga il nostro piacere, non ci spaventi la crudeltà degli altri e così trionferemo sul mondo. Cristo ci viene incontro e così il cristiano non viene vinto (l’ora dell’ascolto pag. 2285). 

68) Tutto ciò che accade è volontà di Dio o lo permette e, se lo permette, è come se fosse la sua volontà. Per cui, poiché Egli è buono e vuole il nostro bene, tutto ciò che permette o accade è buono per noi, anche se in quel momento non ci sembra tale.

69) Gesù ci disse: Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto: perché senza di me non potete far nulla (Gv 15,5).

70) Se cercassi di fare io la Sua Volontà non sarei capace di portarne il peso, potrei allontanarmi al posto di avvicinarmi.

71) Il pungiglione della morte è il peccato e la forza del peccato è la legge.

72) I casi sono due; o facciamo noi la nostra storia o viviamo in quella che Dio ha fatto per noi. Se la facciamo noi, poiché è insicura, la viviamo nell’ansia della buona riuscita e perdiamo la serenità. Per colmarle, poi, siamo portati a mangiare, diventiamo irritabili, il nostro cuore, proteso altrove, non ascolta i richiami di coscienza del Signore e ci allontaniamo dalla retta via. Inoltre, la mente, essendo impegnata a decidere la propria storia, non è in grado di seguire il modo suggerito dalla Spirito Santo, diventa satura ed incapace di capire le cose più naturali tipo una lettura della Bibbia e a concentrarsi su ciò che si fa quotidianamente, con il risultato di farlo in modo meccanico e di non ricordarsene nemmeno dopo averlo fatto.

73) Chi accetta tutto, santamente, perseverando fino alla morte, segue Cristo.

74) Concupiscenza degli occhi: voler apparire in un certo modo, auto, moto, abiti firmati, sciccherie varie. Per stare al centro dell’attenzione ed essere annoverato tra i primi, tra quelli che contano. Viviamo in questo mondo con sobrietà, giustizia e pietà.

75) Caino uccise Abele perché le sue opere erano malvagie e quelle del fratello giuste.

76) Non anteporre nulla ai comandamenti di Dio. e attività quotidiana: ritardo le lodi mattutine attratto da ciò che sul pc stimola la mia concupiscenza, da ciò che mi attrae (satana lavora su ciò che ci attrae per allontanarci dal Signore), in tal modo resto bloccato in casa fino alla tarda mattinata, conseguentemente si ha che ho preferito anteporre “altro“ alla preghiera e non ho espletato le attività ordinarie della giornata che portano alla santità ordinaria. Inoltre, anteponendo altro alla preghiera, durante questa affiorano alla mente le cose che gli abbiamo anteposto e, nella preghiera, mancando il trasporto spirituale, ci sfuggono i messaggi che il Signore ci manda. Perché, appunto, Egli ci parla nella preghiera ben fatta, ci guida, ci suggerisce, ci ammonisce, ci apre gli occhi.

77) Quando poi questo corpo corruttibile si sarà vestito d’incorruttibilità e questo corpo mortale d’immortalità, si compirà la parola della Scrittura:”La morte è stata ingoiata per la vittoria. Dov’è o morte la tua vittoria? Dov’è, o morte il tuo pungiglione?” Il pungiglione della morte è il peccato e la forza del peccato è la legge.

78) Preghiera – Il Signore ci parla nella preghiera ben fatta, ci guida, ci suggerisce, ci ammonisce, ci apre gli occhi.

79) Il male e il bene che ci si presenta giornalmente, quello che proviene dal Signore, non procura ansia, tensione e altro destabilizzante, ma ci lascia sereni prima dell’azione e soprattutto dopo, se ciò non avviene proviene da satana, qualsiasi cosa essa sia.

80) Quando il pensiero di fare una determinata cosa affiora nella mente, attendere prima di agire, se diventa ossessivo è cattivo, se ti lascia sereno è buono.                      Poniamo il caso che sia cattivo, se lo accetti e lo fai tuo facendolo scendere nel cuore, significa che in esso hai riservato un posto a satana, da qual momento comincerà a reclamare i suoi “diritti”, soddisfacendoli gli farai sempre più posto finché ne prenderà il pieno possesso.                                                                                   Se dovesse succedere questo cosa fare? All’inizio, appena compiuta l’azione, si avverte una tensione interna causata dalla coscienza che ci avverte ulteriormente di aver compiuta un’azione cattiva e si sente che satana reclama i suoi diritti, nel senso che ti sollecita a ripeterli, è bene chiedere perdono al Signore, io appena fatto recito il salmo 50, e chiedergli di allontanare da noi quel tipo di azione che abbiamo compiuto, se abbiamo effettivamente questa contrizione del cuore e la richiesta è veramente sentita, entro tre giorni avvertiamo il perdono e riceviamo la forza di non ricaderci, anche se poi ci ricadiamo, altrimenti, se non lo facciamo subito e il male ha preso dimora in noi in modo più consistente, la “procedura” è sempre quella, ma diventa tutto più difficile.

81) Quando succede qualcosa di poco piacevole cerco di uscirne subito ripristinando la situazione a prima che succedesse, invece devo attendere, vivere quella situazione perché il Signore vuole parlarmi attraverso di essa. Poi, a mente serena e messaggio ricevuto, mi sarà più facile discernere.

82) I pensieri continui che distraggono la nostra attenzione dalle cose ordinarie giornaliere e che non c’entrano nulla con esse, sono le tentazioni, satana ci tenta nei nostri punti deboli, chiedere perdono al Signore di essi e affidarglieli affinché ce ne preservi.

83) Se non sono in ordine con le normali attività quotidiane, il cervello quasi si blocca e non riesco a fare bene niente delle attività extra ordinarie.

84) Le liti e le guerre vengono dalle passioni che combattono nelle nostre membra. Bramate e non riuscite a possedere e uccidete.

85) Amare il mondo è odiare Dio.

86) C’è un combattimento giornaliero tra la carne e lo Spirito, non sono debolezze le tentazioni che affiorano ma, appunto, tentazioni, resistere, chi persevera fino alla fine sarà salvato.

87) Non abbiate niente in comune con chi cerca di ingannare con vani ragionamenti. Fermo restando il rispetto per le idee altrui. 

88) Bisogno di cibo senza averne effettivamente bisogno: peccato di gola, provare sensualmente piacere nel mangiarlo, ricerca di gratificazione.

89) Per distaccarsi dalle cose terrene: mettere al primo posto le cose riguardanti il Signore e seguirle, in tal modo il libero arbitrio si “allena” in questo e, con il passar del tempo, gli verrà di farlo in modo naturale. In tal modo si cammina nella luce e non nelle tenebre e l’amore di Dio in noi diventa perfetto. Facendo questo, poi, siamo più in comunicazione con il Signore, captiamo meglio i suoi messaggi e ascoltarlo, mentre ci guida, ci resta più facile. Non amare né il mondo, né le cose del mondo! Se uno ama il mondo, l’amore del Padre non è in lui; perché tutto quello che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre ma dal mondo. Se alberga in noi l’amore per il mondo, non c’è posto per l’amore di Dio. Tre, quindi, sono le concupiscenze o tentazioni, che fu tentato anche Gesù: desiderio della carne, degli occhi, superbia o ambizione. Ricorda: adora il Signore Dio e a Lui solo rendi culto.

90) Un detto popolare dice: la lingua batte dove il dente duole, ossia parliamo e ci concentriamo su ciò che ci ha vinto.

91) Gesù disse ai discepoli: nel mondo avrete tribolazioni, ma abbiate coraggio, io ho vinto il mondo. Per cui devo affidare a Lui tutte le mie preoccupazioni terrene.

92) Allontanarsi da tutto ciò che crea adrenalina per evitare che si modifichi il nostro equilibrio interno e non diventiamo come schizofrenici.

93) Tutto ciò che ci impedisce di svolgere le normali attività quotidiane, sono un ostacolo alla santità, anche se buone, apparentemente, non lo sono, se gli diamo la precedenza significa che ci hanno vinto, è buono che vengano tolte se non riusciamo a metterle dopo le normali attività quotidiane. E’ bene anche che non ne creiamo di nuove, aggraverebbero la situazione.

94) Dove si ripone la felicità del godimento, la si concentra anche la preoccupazione del cuore, la corsa al guadagno rientra in questo, mortificarla.

95) Non attaccarti con il cuore a niente di terreno.

96) Fai morire le opere del corpo altrimenti ti domineranno.

97) Il lavoro, seguendo la Volontà di Dio, per dominare il mondo.

98) Non prendere iniziative altrimenti la mente corre e si popola di molte tentazioni sulle iniziative prese.

99) La tua mente sia rivolta solo al Signore e non alle cose terrene o agli uomini. Diverremo infatti una casa di preghiera e di pace, a condizione che non ci sorprenda nessuna preoccupazione di pensieri carnali e che nessuna agitazione del mondo turbi la nostra quiete interiore. Quando poi avremo purificato i nostri sensi da ogni fermento d’iniquità, in noi passeggerà volentieri il Signore nostro Gesù Cristo.

100) Un controsenso: mi carico di cose terrene e poi cerco di organizzare il tutto per non avere pensieri, quando, senza caricarmi non ne ho, perché ragione farlo? Per avere un utile? Ma il Signore mi dice di preoccuparmi delle sue cose e tutto il resto mi verrà dato in aggiunta. Quindi … ? Seguendo i desideri della carne diventiamo ribelli e siamo meritevoli dell’ira di Dio. Esercitarsi ogni giorno a farli morire, così rafforziamo la fortezza. Satana ci attacca nei nostri punti deboli, ovvero nelle nostre fami di mondo. E quali sono? Quelle che ci hanno vinto, quelle che affiorano alla nostra mente sono, appunto, dove veniamo attaccati. Con l’aiuto del Signore distaccarsene. Il cristiano che non possiede affatto il mondo, possiede interamente il Salvatore. E’ lo Spirito che da la vita, la carne non giova a nulla.

SANTO ROSARIO AUDIO    CORONCINE – MEDITAZIONI – NOVENE – PREGHIERE VARIE – COMMENTI AI VANGELI – LITANIE    PREGHIERE PRINCIPALI LIBERE – PREGHIERA DOPO AVER PECCATO – PREGHIERA PER CHIEDERE LA SAPIENZA

Il Signore parla al cuore di ciascuno di noi, ascoltarlo significa valutare bene le situazioni in cui ci troviamo e, se lo desideriamo, viverle nella sua volontà, non dimentichiamo ciò che ci disse nel Vangelo di Giovanni…

—————————————–

Dal Vangelo di Giovanni 15,5: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto, sempre se lo desideriamo.

————————————–

(Le foto eventuali, dei personaggi, sono state prese su Google / Immagini, per cui, anche se le loro azioni sono in sintonia con l’argomento trattato, non necessariamente debbono corrispondere ai personaggi stessi di questo articolo).

Vedi tutti gli articoli del blog: https://brunoliviano.altervista.org/

17 pensieri su “(Memoriali)* 02 – Rivelazioni e meditazioni da 000 a 100

  1. Simply wish to say your article is as astounding.

    The clarity in your post is just spectacular and i
    could assume you are an expert on this subject. Fine with your permission let me to grab your RSS feed
    to keep updated with forthcoming post. Thanks a million and please keep up the enjoyable work.

  2. Hey there! This is kind of off topic but I need some guidance
    from an established blog. Is it difficult to set up your own blog?
    I’m not very techincal but I can figure things out pretty fast.

    I’m thinking about creating my own but I’m not sure where to start.
    Do you have any tips or suggestions? Thanks

  3. Hey! I know this is somewhat off topic but I was wondering
    which blog platform are you using for this website?
    I’m getting fed up of WordPress because I’ve had problems with hackers and I’m
    looking at options for another platform. I would
    be great if you could point me in the direction of a good platform.

  4. Unquestionably believe that which you said. Your favorite reason seemed to
    be on the web the easiest thing to be aware of.
    I say to you, I certainly get irked while people consider worries that they just don’t
    know about. You managed to hit the nail upon the top as well as
    defined out the whole thing without having side effect , people can take a signal.
    Will probably be back to get more. Thanks

Lascia una risposta