Il mistero dell’Ascensione di Gesù?

Risultati immagini per ascensione“Miei fratelli e sorelle, bisogna che diventiate con me testimoni della risurrezione di Gesù. In effetti, se non sarete voi i suoi testimoni nel vostro ambiente, chi lo sarà al vostro posto? Il cristiano è, nella Chiesa e con la Chiesa, un missionario di Cristo inviato nel mondo” Papa Benedetto XVI

La meditazione dell’evento divino dell’Ascensione di Cristo ci invita a riflettere sulla nostra vita di cristiani.

San Luca ci offre alcuni dettagli interessanti sul momento dell’Ascensione di Gesù.

Quando si sono ritirati dalla città ed Egli è salito al cielo, tutti sono rimasti fermi lì, in estasi, guardando in alto, mezzi perduti, ancora senza capire, finché due angeli hanno spiegato loro che dovevano continuare a vivere la propria vita (cfr. At 1,9-10).

E lo stesso San Luca, completando l’informazione, dice che “essi, dopo averlo adorato, tornarono a Gerusalemme con grande gioia” (cfr. Lc 24,52).

I discepoli erano già molto felici per la resurrezione di Gesù, e in quel momento hanno capito che la loro missione sarebbe iniziata, ma con la forza che veniva dall’Alto.

Ma perché Gesù è salito al cielo? Avrebbe potuto semplicemente scomparire nell’aria, magicamente…

Credo che “guardare in alto” sia uno degli atteggiamenti che Gesù ci ha voluto insegnare. Quando guardiamo in alto, dimentichiamo tutto ciò che c’è sotto di noi, ci distacchiamo dalla terra e desideriamo il cielo. Guardiamo meno a noi e più a Dio.

Un altro dettaglio importante: quello è stato il vero congedo di Gesù. Da quel momento i discepoli non avrebbero più rivisto il Maestro. Capiamo che in nessun momento si sono lamentati o hanno chiesto a Gesù: “Resta ancora un po’!” No, al contrario! Quando Gesù è salito al cielo si sono rallegrati…

E questa è un’altra lezione che possiamo trarre da questo passo. Gesù ci ha voluto insegnare che la Sua presenza supera la morte e trascende i tempi. Non dev’esserci tristezza perché non riusciamo a vederlo… La fede è più forte della ragione. Agisce potentemente per il potere del Suo Spirito che assiste, illumina, rafforza e difende la Chiesa e ciascuno di noi.

Questo ci fa pensare: dove sono quella fede e quella gioia che muovevano i primi cristiani? Erano una minoranza, e anche così hanno contagiato il mondo! Ci manca forse il fatto di ritirarci e vivere quell’esperienza di osservare il Signore mentre sale e ci invia il Suo Santo Spirito?

Adoriamo Cristo Signore che sale in cielo e ci porta con Sé!

 Felipe Aquino | Mag 10, 2016 [Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Breve filmato sull’Ascensione di Gesù: clicca qui

—————————————–

Il Signore parla al cuore di ciascuno di noi, ascoltarlo significa valutare bene le situazioni in cui ci troviamo e, se lo desideriamo, viverle nella sua volontà, non dimentichiamo ciò che ci disse nel Vangelo di Giovanni…

—————————————–

Dal Vangelo di Giovanni 15,5: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto, sempre se lo desideriamo.

————————————–

(Le foto dei personaggi sono state prese su Google/Immagini, per cui, anche se le loro azioni sono in sintonia con l’argomento trattato, non necessariamente debbono corrispondere ai personaggi stessi di questo articolo).

Vedi tutti gli articoli del blog: http://brunoliviano.altervista.org/

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo può essere un buon posto per presentare te stesso ed il tuo sito o per includere alcuni crediti.

Come trovarci

Indirizzo
P.zza Duomo 123
20100 Milano (MI)

Orari
Lunedì—Venerdì: 09:00–17:00
Sabato e Domenica: 11:00–15:00