(Detti dei padri del deserto) 14 – La pazienza sulle colpe degli altri

Questa storia può essere ad esempio per chi non ne ha, leggete …

Pazienza cognitiva: affrontare il mondo senza fretta - La Mente è ...

Un anacoreta divenne vescovo. Pio e pacifico, non correggeva nessuno, sopportando con pazienza le colpe e i peccati di ciascuno.

Ora, il suo economo non amministrava correttamente gli affari della Chiesa e alcuni vennero a dire al vescovo:

« Perché non rimproveri questo economo così negligente? ».

Il vescovo differì il rimprovero.

L’indomani gli accusatori dell’economo ritornarono dal vescovo, irritati contro di lui.

Il vescovo, avvertito, si nascose in qualche parte e arrivando non lo trovarono. Lo cercarono a lungo, lo scoprirono alfine e gli dissero:

«Perché ti sei nascosto? ». Egli rispose: « Perché ciò che sono riuscito ad ottenere in sessanta anni, a forza di pregare Dio, voi volete rubarmelo in due giorni ».

Il Signore parla al cuore di ciascuno di noi, ascoltarlo significa valutare bene le situazioni in cui ci troviamo e, se lo desideriamo, viverle nella sua volontà, non dimentichiamo ciò che ci disse nel Vangelo di Giovanni…

—————————————–

Dal Vangelo di Giovanni 15,5: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto, sempre se lo desideriamo.

Lascia una risposta