Infatti, anche se la ragione vuole che, una volta compiuto un errore, ne siamo contristati e pentiti, tuttavia è necessario non indulgere in un dispiacere arido e amaro, stizzoso e collerico.

Risultati immagini per colleraNe segue che commettono un grande errore tutti quelli che, dopo la collera, si irritano per essersi irritati, si affliggono della loro stessa afflizione, si stizziscono della propria stizza. In questo modo tengono continuamente il cuore immerso a macerarsi nella collera.

Risultati immagini per donna afflittaSenza parlare poi del fatto che tali risentimenti, collere, stizze che proviamo contro noi stessi, tendono all’orgoglio e la loro origine e l’amore di sé, amore che si preoccupa e si turba della nostra imperfezione.

Immagine correlata

Il dispiacere che proviamo per le nostre mancanze deve dunque essere pacato, calmo e fermo. Possiamo correggerci più con un pentimento sereno e costante che mediante reazioni piene di acrimonia, affrettate e colleriche; tanto più che tali reazioni impetuose sono motivate non tanto dalla gravità oggettiva della colpa commessa, quanto dal disordine delle nostre inclinazioni.

Risultati immagini per donna dispiaciuta

Per esempio colui che predilige la castità, mentre proverà risentimento e acredine sproporzionati alla mancanza anche minima commessa in tale campo, non farà invece che sorridere di una grossolana maldicenza da lui provocata e sostenuta.

Risultati immagini per sorriso donna capelli castaniRisollevate dunque il cuore con dolcezza quando cadrà, umiliandovi davanti a Dio, perché avete conosciuto la vostra miseria, ma senza meravigliarvene in nessun modo.

Risultati immagini per umiliarsi davanti a dio

Detestate con tutte le forze l’offesa fatta a Dio e con gran coraggio e fiducia riprendete il cammino lasciandovi guidare dallo Spirito Santo.

Risultati immagini per ponte per il cielo

Dalla «Introduzione alla vita devota» di san Francesco di Sales (P.III, cap. 9. Oeuvres, Annecy, 1983, T 3, pp. 166 s.)

Risultati immagini per san francesco di sales

Il Signore parla al cuore di ciascuno di noi, ascoltarlo significa valutare bene le situazioni in cui ci troviamo e, se lo desideriamo, viverle nella sua volontà, non dimentichiamo ciò che ci disse nel Vangelo di Giovanni…

—————————————–

Dal Vangelo di Giovanni 15,5: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto, sempre se lo desideriamo.

(Le foto dei personaggi sono state prese su Google/Immagini, per cui, anche se le loro azioni sono in sintonia con l’argomento trattato, non necessariamente debbono corrispondere ai personaggi stessi di questo articolo).

————————————–

Vedi tutti gli articoli del blog: http://brunoliviano.altervista.org/

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo può essere un buon posto per presentare te stesso ed il tuo sito o per includere alcuni crediti.

Come trovarci

Indirizzo
P.zza Duomo 123
20100 Milano (MI)

Orari
Lunedì—Venerdì: 09:00–17:00
Sabato e Domenica: 11:00–15:00