(Cristianesimo Cattolico)* 01 – Fede e opere, ecco quale viene prima …

Fede e opere, ecco quale viene prima …

Posta, come fondamento nei nostri cuori, prima di ogni altra cosa, una fede integra e incorrotta, basata sulla salvezza per mezzo della croce

Risultati immagini per fede in dio

e poi, in modo opportuno, tutte quelle cose che ci renderanno beati, vale a dire ogni genere di virtù,

Risultati immagini per beati

saremo in grado di compiere anche tutte le azioni proprie di un cuore infiammato di amore divino.

Risultati immagini per cuore infiammato di amore divino

Per cui, alla domanda: Fede e opere, quale prima e quale dopo? Ecco la risposta:

” La fede, se non ha le opere, è morta” (Gc 2,17), così le opere, se prima non c’è in noi la fede, non giovano per nulla alle nostre anime, come sta scritto: ” Non riceve la corona se non chi ha lottato secondo le regole” (2 Tm 2,5).

La salvezza, quindi, viene offerta all’uomo non dalle sue opere, cioè fatte meccanicamente, ma dalla volontà di Dio.

Dio, infatti, ha preferito che l’uomo si guadagnasse la salvezza con la fede piuttosto che con le opere fatte senza la fede, affinché nessuno, gloriandosi delle sue azioni, cadesse in peccato.

Ecco una suora, che, con la sua fede ( lo si può vedere dal suo volto, bello e radioso, che è lo specchio dell’anima ), compie le opere …

Risultati immagini per fede e opere

Ecco due ragazze che cercano di aiutare una mendicante, si nota che lo fanno con impegno e desiderio di riuscire, con fede, con amore, altrimenti, difficilmente, si sarebbero prodigate come stanno facendo, tutt’al più, avrebbero lasciato qualcosa e andate via.

Risultati immagini per opere di carità

Se in loro non ci fosse la fede, non avrebbero l’amore di Dio nel cuore e, quindi, la forza per compiere quest’opera, appunto, con fede …

Per tanto tempo mi sono chiesto se era più importante la fede o le opere e non riuscivo a dare una spiegazione a questi versetti che seguono, ora mi sono chiari:

Matteo 9,29: Allora toccò loro gli occhi dicendo: «Vi sia fatto secondo la vostra fede».

Matteo 21,22: Tutte le cose che domanderete in preghiera, se avete fede, le otterrete»

Luca 5,20: Ed egli, veduta la loro fede, disse: «Uomo, i tuoi peccati ti sono perdonati».

Romani 3,27: Dov’è dunque il vanto? Esso è escluso. Per quale legge? Delle opere? No, ma per la legge della fede;

Romani 3,28: poiché riteniamo che l’uomo è giustificato mediante la fede senza le opere della legge.

Romani 9,32: Perché? Perché l’ha ricercata non per fede ma per opere. Essi hanno urtato nella pietra d’inciampo,

Galati 2,16: sappiamo che l’uomo non è giustificato per le opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Cristo Gesù, e abbiamo anche noi creduto in Cristo Gesù per essere giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge; perché dalle opere della legge nessuno sarà giustificato.

Galati 3,12: Ma la legge non si basa sulla fede; anzi essa dice: «Chi avrà messo in pratica queste cose, vivrà per mezzo di esse».

1 Corinzi 3,7: Né chi pianta, né chi irriga è qualche cosa, ma Dio che fa crescere.

Giacomo 2,14: La fede e le opere (Ga 5:6Gm 1:22-27Mt 7:21-27Eb 11:17-19, 311Gv 2:3-6 A che serve, fratelli miei, se uno dice di aver fede ma non ha opere? Può la fede salvarlo?

Giacomo 2,17: Così è della fede; se non ha opere, è per se stessa morta.

Giacomo 2,18: Anzi uno piuttosto dirà: «Tu hai la fede, e io ho le opere; mostrami la tua fede senza le tue opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede».

Giacomo 2,20: Insensato! Vuoi renderti conto che la fede senza le opere non ha valore?

Giacomo 2,22: Tu vedi che la fede agiva insieme alle sue opere e che per le opere la fede fu resa completa;

Giacomo 2,24: Dunque vedete che l’uomo è giustificato per opere, e non per fede soltanto.

Giacomo 2,26: Infatti, come il corpo senza lo spirito è morto, così anche la fede senza le opere è morta.

Il Signore parla al cuore di ciascuno di noi, ascoltarlo significa valutare bene le situazioni in cui ci troviamo e, se lo desideriamo, viverle nella sua volontà, non dimentichiamo ciò che ci disse nel Vangelo di Giovanni…

—————————————–

Dal Vangelo di Giovanni 15,5: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto, sempre se lo desideriamo.

(Le foto dei personaggi sono state prese su Google/Immagini, per cui, anche se le loro azioni sono in sintonia con l’argomento trattato, non necessariamente debbono corrispondere ai personaggi stessi di questo articolo).

————————————–

Vedi tutti gli articoli del blog: https://brunoliviano.altervista.org/

Lascia una risposta