Il Signore Dio chiamò l’uomo e gli disse: «Dove sei?».
[Quando siamo nel peccato e lontano dal Signore, Egli ci cerca]
 
Rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino: ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto».
[ Il peccato ci rende vulnerabili, ci nascondiamo nel buio, abbiamo paura di venire alla luce ]
 
Riprese: «Chi ti ha fatto sapere che sei nudo? Hai forse mangiato dell’albero di cui ti avevo comandato di non mangiare?».
[ Ecco il risultato per aver voluto conoscere il bene e il male e stabilire cosa fare con le nostre forze, per noi e per gli altri, un giorno dobbiamo renderne conto ].
 Rispose l’uomo: «La donna che tu mi hai posto accanto mi ha dato dell’albero e io ne ho mangiato».
[ Dopo il peccato, cioè aver disubbidito ai comandi del Signore, Adamo si sarebbe dovuto pentire e chiedergli perdono, invece lo rimprovera implicitamente ( la donna che tu mi hai posto accanto … ), per cui la colpa sarebbe stata del Signore per avergli posta quella donna accanto. Lui quindi non ha colpa di quello che è successo. Come succede molte volte a chi è lontano dal Signore, dopo aver peccato, o commesso atti non moralmente buoni, cerca le attenuanti affinché si possa dire che lui non c’entra nulla, al posto di chiedere perdono al Signore e a chi ha offeso, o arrecato danno e riparare del male commesso ].
Il Signore Dio disse alla donna: «Che hai fatto?». Rispose la donna: «Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato».
 [ Si discolpa come Adamo e incolpa il serpente ( che poi è Satana ), quindi anche lei non c’entrerebbe nulla.]
In base a questi eventi chi avrebbe peccato o fatte cose non giuste? Il Signore e quando non gli si riesce a imputare colpe, gli altri, Adamo ed Eva, quindi, dovrebbero essere assolti.
Ai nostri giorni, spesse volte succede la stessa cosa, chi è che sbaglia, pecca e commette tutto ciò che è contrario alla morale? Appunto, spesse volte sono gli altri, noi mai! Che ne dite?
                                               ———————————-
Gesù ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 
Perciò non dimentichiamo di chiedere il suo aiuto se scegliamo di seguirlo.
                                               —————————————
  (Le foto dei personaggi, di questo racconto, sono state prese su Google/Immagini, non corrispondono, quindi, ai personaggi stessi di quanto esposto).

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo può essere un buon posto per presentare te stesso ed il tuo sito o per includere alcuni crediti.

Come trovarci

Indirizzo
P.zza Duomo 123
20100 Milano (MI)

Orari
Lunedì—Venerdì: 09:00–17:00
Sabato e Domenica: 11:00–15:00