Già, da Adamo ed Eva.

Tratto dalla Bibbia di Gerusalemme: Genesi 1,26-28
26Dio disse: «Facciamo l’uomo a nostra immagine, secondo la nostra somiglianza: dòmini sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutti gli animali selvatici e su tutti i rettili che strisciano sulla terra».

27E Dio creò l’uomo a sua immagine; a immagine di Dio lo creò: maschio e femmina li creò. 

28Dio li benedisse e Dio disse loro: «Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela, dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra».

Quindi siamo stati creati da Dio, dal nulla, a sua immagine e ha voluto che anche noi fossimo Dio con il potere di dominare su tutti gli animali della terra e del cielo.

 Ci rendiamo conto dell’importanza che siamo per Lui?

Non ci siamo creati da soli, per cui non siamo di nostra proprietà ma apparteniamo a Colui che ci ha creati. 

Non possiamo dire “la vita è mia e ci faccio quello che mi pare”. Anche se abbiamo la facoltà di farlo constateremo che, andando controcorrente, ovvero contro l’immagine di Dio, contro la tendenza per la quale siamo stati creati, mettendo in campo le “nostre” forze, otterremo sempre risultati non soddisfacenti per noi e per gli altri. 

                                             ———————————-
Gesù ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 
Perciò non dimentichiamo di chiedere il suo aiuto se scegliamo di seguirlo.
                                               —————————————
 (Le foto dei personaggi, di questo racconto, sono state prese su Google/Immagini, non corrispondono, quindi, ai personaggi stessi di quanto esposto).



 

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *