Non credo che dipenda dal carattere se uno è aggressivo. Parlare, ascoltare, discutere, obiettare con tono pacato, fino a prova contraria, rientra nella normalità.
E allora? Perché certe persone aggrediscono quando parlano e altre, fortunatamente in netta minoranza, aggrediscono anche fisicamente?
 Potrebbe essere un motivo di difesa, per non venire alla luce ed essere scoperti di non so che cosa, anche se non ne vedo l’efficacia in quanto gli esseri umani hanno la coscienza che li avverte dei pericoli imminenti e fa rizzare loro le antenne, questo tentativo, poi, di aggredire verbalmente, nella maggior parte dei casi si ritorce contro chi lo pratica.
Quindi, non avvertendo i richiami della coscienza, perché messa a tacere o soffocata, non percepiscono l’effettivo pericolo e si difendono da tutto e da tutti perché fragili.
Ma dai, quanti problemi ti poni, pensa ai fatti tuoi e fregatene.
Forse hai ragione, esaminandomi, molte volte, sono portato anch’io ad agire in questo modo, appunto a fregarmene, ma ora qualcosa mi spinge ad approfondire.
E poi che te ne fai quando lo hai scoperto?
Beh riuscirei a capire meglio me stesso e gli altri.
E quindi?
Potrei capire dove sbaglio e conseguentemente comprendere e accettare lo sbaglio altrui.
Non capisco.
 Per restare in tema, se analizzandomi mi trovassi aggressivo, potrei capire un altro che lo è come e me, intanto avrei fatto un passo avanti, non punterei il dito nell’accusarlo, se anch’io sono così come faccio ad accusare l’altro che, sicuramente, lo è in misura inferiore a me?
Per conseguenza mi troverei spinto ad analizzare la situazione con più serenità per migliorare i rapporti interpersonali.
Va bene, ho capito, tornando a bomba,  perché molte persone aggrediscono?
Chiedendoci il perché di ogni azione commessa e andando a ritroso si può supporre qualcosa. Le motivazioni potrebbero essere quelle già dette o essercene altre, non saprei, comunque variano da persona a persona. O meglio, sicuramente in quella persona qualcosa non va e ha bisogno d’aiuto. Il non essere sereni significa essere lontani da Dio, poi, cosa ci sia di effettivamente nella vita di quella persona, solo Dio lo sa, la persona stessa, molte volte, non ne conosce l’effettivo motivo.
Gesù ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 
Perciò non dimentichiamo di chiedere il suo aiuto se scegliamo di seguirlo.
 (Le foto dei personaggi, di questo racconto, sono state prese su Google/Immagini, per cui non corrispondono ai personaggi stessi di questa storia).

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo può essere un buon posto per presentare te stesso ed il tuo sito o per includere alcuni crediti.

Come trovarci

Indirizzo
P.zza Duomo 123
20100 Milano (MI)

Orari
Lunedì—Venerdì: 09:00–17:00
Sabato e Domenica: 11:00–15:00