(Lotta contro il male) 18 – Siamo veramente liberi?

Tempo fa alla parola liberi associavo il carcere e mi dicevo, se non sono in carcere sono libero.

E’ vero, anche questo aspetto indica la libertà o meno, però si può essere liberi, ovvero non rinchiusi tra quattro mura, ma in carcere psicologicamente e moralmente, i nostri carcerieri possono essere i vizi che ci attanagliano.

Quali sono? A questo interrogativo subito ci viene in mente la superbia, l’ira, la gola, l’avarizia, l’accidia, l’invidia, la lussuria, però ce ne sono altri subdoli, apparentemente innocenti, non riconoscibili nemmeno con un comune ragionamento, però ci sono e Satana se ne serve per tentarci, il Signore lo permette con intensità non superiore alle nostre forze e, comunque, governate da Lui, per farci comprendere cosa abbiamo nel cuore.

Gesù ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

Perciò non dimentichiamo di chiedere il suo aiuto se scegliamo di seguirlo.
 (Le foto dei personaggi, di questo racconto, sono state prese su Google/Immagini, per cui non corrispondono ai personaggi stessi di questa storia).

Lascia una risposta