Libri Poetici – Siracide  Sir 5,1.3.8  

Non confidare nelle tue ricchezze e non dire: “Basto a me stesso”. Non dire: “Chi mi dominerà? Perché il Signore senza dubbio farà giustizia. Non confidare in ricchezze ingiuste: non ti gioveranno nel giorno della sventura.

Quindi, per non essere preso dalle passioni, dalle cose materiali e da tutto ciò che è terreno, non bisogna contare sulle ricchezze ingiuste.
Anzi esse consumano il corpo, i suoi affanni tolgono il sonno e sono una trappola per quanti ne sono infatuati e contano su di esse, l’insensato vi resta preso.
Beato invece il ricco che non corre dietro all’oro e non confida su di esso.

Gesù ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

Perciò non dimentichiamo di chiedere il suo aiuto se scegliamo di seguirlo.
 (Le foto dei personaggi, di questo racconto, sono state prese su Google/Immagini, per cui non corrispondono ai personaggi stessi di questa storia).

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo può essere un buon posto per presentare te stesso ed il tuo sito o per includere alcuni crediti.

Come trovarci

Indirizzo
P.zza Duomo 123
20100 Milano (MI)

Orari
Lunedì—Venerdì: 09:00–17:00
Sabato e Domenica: 11:00–15:00