Facendo questo non ci esponiamo al timore, inconscio, di essere giudicati, condannati e non perdonati dagli altri.
Quante volte ci si trincea dietro a giustificazioni, tra l’altro non richieste, per il timore di essere giudicati o condannati?
O temiamo di non essere perdonati per i nostri errori e assumiamo un atteggiamento di chiusura e di distacco verso gli altri facendo calare la tristezza su noi stessi?

Tutto ciò è poca cosa rispetto al giudizio di Dio, ed è quello che veramente conta, il quale ci avverte che con la misura con la quale abbiamo misurato, sarà misurato a noi in cambio”, ora, nella vita terrena e dopo nel momento del giudizio finale.

Dal Vangelo di San Luca 6,37 Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati

Però non dimentichiamo mai che …

Gesù ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

… e non dimentichiamo nemmeno di chiedere il suo aiuto.

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Informazioni su questo sito

Questo può essere un buon posto per presentare te stesso ed il tuo sito o per includere alcuni crediti.

Come trovarci

Indirizzo
P.zza Duomo 123
20100 Milano (MI)

Orari
Lunedì—Venerdì: 09:00–17:00
Sabato e Domenica: 11:00–15:00