Il paradosso del nostro tempo, nella storia, è che abbiamo edifici sempre più alti,

 ma moralità più basse, in quanto, molti, cedono facilmente alle tentazioni

 autostrade sempre più larghe,

ma orizzonti più ristretti e ingarbugliati.

 Spendiamo comperando di più,

  ma abbiamo e godiamo meno.

 Abbiamo case più grandi 

e famiglie più piccole,

più comodità,

 ma meno tempo.

Abbiamo più istruzione,

ma meno buon senso,

 più conoscenza,

 ma meno giudizio,

 più esperti,

 e ancor più problemi,

più medicine,

ma meno benessere, super impegnati con il tempo che fugge via senza che ce ne rendiamo conto.

Beviamo troppo e ci procuriamo ansia e depressione,

 fumiamo troppo,

 spendiamo senza ritegno,

 ridiamo troppo poco,

guidiamo troppo veloci,

ci arrabbiamo troppo,

 facciamo le ore piccole e ci alziamo stanchi,

 vediamo troppa TV,

e preghiamo di rado, pochissimo in coppia.

Abbiamo moltiplicato le nostre proprietà, ma ridotto i nostri valori.

Parliamo troppo, spesse volte senza capirci

amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.

Abbiamo imparato come guadagnarci da vivere,

  ma non come vivere, cedendo alle passioni ingannatrici dopo aver aperto il nostro cuore al male.

Abbiamo aggiunto anni alla vita,

 ma non vita agli anni.

Siamo andati e tornati dalla Luna,

ma non riusciamo ad attraversare la strada per incontrare un nuovo vicino di casa.

Abbiamo conquistato lo spazio esterno,

 ma non lo spazio interno.

Abbiamo creato cose più grandi, ma non migliori.

Abbiamo pulito l’aria,

 ma inquinato l’anima cedendo alle tentazioni che il demonio ci insinua nella mente.

Abbiamo dominato l’atomo, 

ma non i pregiudizi.

Scriviamo di più,

 ma impariamo meno perché, molti, hanno posto il divieto di accesso, al loro cuore, al vero Maestro che è Gesù.

Pianifichiamo di più,

 ma realizziamo meno.

Abbiamo imparato a sbrigarci, a correre

 ma non ad aspettare.

Costruiamo computer più grandi per contenere più informazioni, per produrre più copie che mai,

  ma comunichiamo sempre meno.

Questi sono i tempi del fast food e della digestione lenta,

 grandi uomini e piccoli caratteri, ricchi profitti e povere relazioni.

Questi sono i tempi dei viaggi veloci,

dei pannolini usa e getta,

 della moralità a perdere,

 delle relazioni di una notte,

 dei corpi sovrappeso

e delle pillole che possono farti fare di tutto, dal rallegrarti al calmarti, all’ucciderti.

E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina,

 ma niente in magazzino e da restaurare.

 Un tempo in cui la tecnologia può farti arrivare questa lettera

 e in cui puoi scegliere di condividere queste considerazioni con altri

 o di lasciarle perdere, domani sarà un altro giorno.

Tutto ciò che accade è volontà di Dio o lo permette e, se lo permette è come se fosse la sua volontà.

Quindi?
Tutti i paradossi sopra descritti rappresentano le situazioni nelle quali possiamo venire a trovarci seguendo le nostre vie.
Il Signore, nella sua infinita bontà, ci ha dato il libero arbitrio per scegliere cosa vogliamo fare della nostra vita e quale via vogliamo seguire, la nostra o la sua.

Ci ricorda in …

Proverbi 3,17 le sue vie sono vie deliziose e tutti i suoi sentieri conducono al benessere.
Proverbi 8,32 Ora, figli, ascoltatemi: beati quelli che seguono le mie vie!
Siracide 1,5 Fonte della sapienza è la parola di Dio nei cieli, le sue vie sono i comandamenti eterni.
Siracide 2,15 Quelli che temono il Signore non disubbidiscono alle sue parole, quelli che lo amano seguono le sue vie.
Siracide 39,24 Le sue vie sono diritte per i santi, ma per gli empi sono piene d’inciampi.
Matteo 18,7 Guai al mondo per gli scandali! È inevitabile che vengano scandali, ma guai all’uomo a causa del quale viene lo scandalo!

Inoltre ci disse: Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 

Perciò non dimentichiamo di chiedere il suo aiuto se scegliamo di seguirlo.
 (Le foto dei personaggi, di questo racconto, sono state prese su Google/Immagini, per cui non corrispondono ai personaggi stessi di questa storia).

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *